LE STIMMATE

Fenomeno medianico producente sul corpo umano lesioni anatomiche profonde che persistono nel tempo.
 
Se le lesioni anatomiche si producono in soggetti religiosi esse prendono allora la forma delle ferite inferte a Gesù: piaga al costato, alle mani, ai piedi ed al capo.
 
I materialisti hanno sempre negato e negano tuttora le stimmate di S. Francesco d'Assisi, di cui parlano la storia e l'agiografia cattolica, eppure, oggi, nessuno, cui non fa difetto una logica coerente e raziocinante, discute l'obbiettività del fatto.
«La potenza della volontà - scrive il Flammarion -, della forza mentale, dell'anima, dell'idea, dell'autosuggestione, la manifestazione dell'azione dello spirito su la materia, si mostrano con una evidenza che colpisce nei fenomeni fisiologici degli stimmatizzati. Questi fenomeni sono stati negati, non si è visto in essi che frode, soperchieria, credulità. Ecco un errore. Le stimmate realmente si producono. Dei buchi si formano nella palma delle mani degli allucinati, sui piedi, al fianco, e tali piaghe, immagini di quelle del Crocefisso, sanguinano realmente».
 
Il prof. Ochorowicz ha formulato la teoria ideoplastica, secondo la quale il pensiero, quale forza organizzante e plasticizzante, spiegherebbe la maggior parte dei fenomeni metapsichici e, di conseguenza, delle stimmate.
La potenza dell'idea: ecco la base della teoria Ochorowicziana; il dominio cioè della psiche su la materia (il corpo umano).
 
E. Druhatel e R. Warcollier narrano questo fatto a dimostrazione della natura psichica delle stimmate.
«Focanchon divise un vescicante in tre parti: una fu applicata sul braccio sinistro d'una sonnambula, un'altra sul suo braccio destro, la terza, sopra un altro malato. Focanchon quindi, addormentata con sonno ipnotico la sonnambula, le suggerì che il vescicante sul braccio sinistro non avrebbe avuto alcun effetto.
Erano le 11. Fino alle 20 la sonnambula fu sempre sorvegliata. Quando la bendatura fu tolta, il braccio sinistro era naturale, il braccio destro era rosso e presentava un principio di vescicazione. II vescicante fu riapplicato, e, tre quarti d'ora dopo, il braccio sinistro era sempre naturale; il braccio destro, invece, presentava già delle piccole vesciche. Circa il terzo pezzo di vescicante, che era stato posto sull'altro paziente, dopo otto ore aveva causato delle grosse vesciche. La suggestione può, quindi, secondo i casi, produrre le stimmate o impedirle».
Più probativi ancora sono stati gli esperimenti condotti dal dr. Osty su Olga Kabl, soggetto straordinario per tale fenomeno, che raggiunsero il risultato di far emergere, subcoscientemente, sulla propria pelle delle braccia e del tronco - a guisa di stimmate - i nomi propri, telepaticamente trasmessi da altra persona presente.
 
Fonte: Sherpes, William - SPIRITISMO ANTICO E MODERNO pagg. 205-207.