Medium e medianità

Medium e medianità: sono termini intimamente legati tra di loro: così come lo è il contenitore con il suo contenuto (medium=strumento e medianità=effetti prodotti con lo strumento).

Egli ci assomiglia, sia sul lato fisico che da quello mentale-spirituale; vive con una maggiore intensità percettiva la realtà in cui è immerso, e come tutti ha le sue forze e le sue debolezze.

E' una persona come tante tra noi, ma per ragioni ancora non del tutto chiare, agevola la produzione di fenomeni sulla materia e sulla psiche.

Egli è un elemento indispensabile nel gruppo di ricerca "spiritico", e dovrebbe essere trattato con cura e controllato dagli altri operatori del circolo medianico.

Il medium è una persona particolarmente sensibile, la sua percezione si può dilatare nel tempo e nello spazio e ricadono su di lui sensazioni ed emozioni da noi non avvertibili, ma non per questo è infallibile. Le sue capacità, per quanto grandi, non sono costanti nel tempo e sono soggette a decadimento (trasformazione).

Il medium dovrebbe coltivare le proprie potenzialità seguendo le sue naturali inclinazioni, ricercando con intensità, quella serenità e quella pace d'animo che lo rendono strumento neutro e cristallino.

I medium non sono tutti uguali. Possiamo dire che ognuno di loro è come uno strumento unico, che avverte e percepisce soltanto una parte dell'infinito che lo circonda: così come una radio si sintonizza in particolar modo soltanto su alcune delle frequenze disponibili.

I fenomeni che si possono produrre nelle sedute sono gli elementi che distinguono i medium tra di loro. Tra di essi vi sono coloro che agevolano i fenomeni OBIETTIVI o fisici, e altri che producono fenomeni SUBIETTIVI o intelligenti.

Molto si parla e molto si discute su queste persone "speciali", ma io amo risentire le loro voci e leggere i pochi libri che ci parlano delle loro esperienze vissute.

Voglio riportare un brano contenuto nel volume IS SURVIVAL A FACT di Margaret Lillian Hamilton, B.A. ove si può leggere una breve comunicazione chiarificatrice su questo tema:

La medianità

"Perché abbiamo bisogno dei medium? Perché non posso ottenere da solo dei messaggi dal Grande Aldilà? Sicuramente se i miei cari dovessero ritornare da qualcuno essi ritornerebbero da me piuttosto che da uno sconosciuto che non hanno mai visto e sentito quando era sulla terra.
"Beh, la risposta è molto semplice. I medium sono individui particolarmente costituiti. Possiedono quelle qualità peculiare o struttura che permette loro di percepire o ricevere messaggi dall'Altro Mondo, mentre questo manca nella maggior parte delle persone. Un grande medium è certamente raro come un grande artista o un grande poeta. Il loro genio sta alla sensibilità psichica nello stesso modo in cui il genio sta alla poesia o all'arte. E la capacità di comunicare può essere altrettanto rara.
"Non tutti coloro che desiderano inviare messaggi dalla nostra parte, anche supponendo che esse continuino a persistere a lungo con la passione di farlo, possono trasmettere il loro messaggio attraverso un medium o uno psichico. La capacità di impartire messaggi in questa maniera è altrettanto rara come il dono della medianità lo è dalla vostra parte, e solo quando due anime affini entrarno in contatto con un altro, sotto le circostanze più favorevoli, possono giungere a voi dei messaggi chiari inviati da noi. Questo spiega sempre di più perchè molti messaggi non sono stati spediti".

 

LIBRI CONSIGLIATI per la comprensione dei medium e della medianità:
VITA DI MEDIUM di Eileen J. Garrett
LA MORTE NON ESISTE di Florence Marryat
IL MEDIUM ESCE DAL MISTERO di Demofilo Fidani
INCIDENTS IN MY LIFE di D. D. Home
THE BLUE ROOM di Clive Chapman and G. A. W.
MEDIUMSHIP AND ITS LAWS di Hudson Tuttle