Cayce Edgar

Cayce Edgar (1877-1945). Sensitivo e medium americano fra i più noti e dotati del suo tempo. Nato in un paese presso Hopkinsville, nel Kentucky, da umile famiglia, avrebbe voluto divenire predicatore, ma non potendo continuare gli studi, cercò di guadagnarsi la vita in città. A ventun anni perse completamente la voce e pensò allora di tentare la professione di fotografo nel suo paese; un giorno l'ipnotizzatore Hart venne a dare una rappresentazione nel teatro locale e, conosciuto il giovane, gli propose di curarlo con l'ipnotismo. In stato ipnotico, Cayce riusciva a parlare ma perdeva nuovamente la voce appena sveglio. Partito l'Hart, un medico che si occupava di ipnotismo, un certo Al C. Layne, continuò il trattamento e, ricordando gli esperimenti del Puiségur, dopo averlo ipnotizzato gli suggerì di fare lui stesso la diagnosi del suo male. Cayce disse che si trattava di una sorta di paralisi nervosa degli organi vocali e prescrisse un trattamento grazie al quale riacquistò la voce. Il Layne chiese allora al giovane di diagnosticare una malattia di stomaco di cui egli stesso soffriva da tempo: Cayce fece la diagnosi esatta e prescrisse una cura che guarì lo sperimentatore in tre settimane.
Da quel momento i due, ormai amici, cominciarono a dedicarsi alla cura dei malati mediante «letture psichiche»: Cayce non credeva molto nei suoi poteri e aveva qualche scrupolo religioso, ma i suoi pazienti, di norma, guarivano. In stato di ipnosi parlava in prima persona plurale e si valeva di termini medici e anatomici che ignorava da sveglio non essendosi mai occupato di medicina. Nel 1905 il sindaco di Hopkinsville lo pregò di curare una sua figlia di cinque anni che, dopo un attacco di influenza, soffriva di convulsioni e appariva ritardata di mente. Cayce disse che la bambina, prima della malattia, era caduta battendo la testa e che i germi dell'influenza si erano fermati in quella lesione interna: seguendo la cura da lui prescritta la bambina guarì in poche settimane. Nel 1911 la sua stessa moglie stava morendo di tubercolosi: i medici non avevano più speranze. Il Cayce, in trance, prescrisse una cura a base di eroina e altri farmaci che fin allora non erano mai stati usati per la terapia della tubercolosi, e la donna guarì.
Ormai sicuro dei propri poteri, il sensitivo si dedicò completamente alla sua attività di diagnostico psichico e guaritore; fin allora si era sempre prodigato gratuitamente, ma, divenuto professionista, dovette accettare, per vivere, dei modesti compensi. Faceva fino a otto «letture» al giorno e quelli che richiedevano la sua opera erano in continuo aumento; ma infine si accorse di potere fare diagnosi anche per corrispondenza: bastava che, quando era in trance, qualcuno pronunciasse davanti a lui il nome e l'indirizzo del malato e gli ordinasse di visitarlo. Medici, psichiatri e psicologi, per quanto scettici, finirono col convincersi delle sue doti. Nel 1925, col finanziamento di suoi due ricchi pazienti, fu fondato a Virginia Beach il «Cayce Hospital» che però rimase attivo solo due anni. Nel 1931 nacque, sempre a Virginia Beach, l'Association for Research and Enlightenment con lo scopo di sperimentare sui fenomeni psichici ed educare nuovi soggetti: l'Associazione continuò la sua attività anche dopo la morte del Cayce sotto la direzione del figlio Hugh Lynn Cayce.
A fianco della sua attività di diagnostico e guaritore, per suggerimento di un fervente occultista, Arthur Lammers, il Cayce si dedicò anche, negli ultimi anni, a pratiche più precisamente medianiche per lo studio della sopravvivenza, dei legami fra l'uomo e l'universo e della reincarnazione. Il veggente si decise a questo con molta riluttanza perché trattenuto da scrupoli religiosi, specialmente per quel che riguardava la reincarnazione, ma infine si sottomise agli esperimenti del Lammers. Ascoltando in stato di trance il nome e la data di nascita di una persona, egli ne traeva l'oroscopo indicando alcune delle sue incarnazioni precedenti e spiegando in quanto la sua attuale esistenza avesse il compito di completarle e correggerle. Un caso che può essere considerato abbastanza controllato fu quello di una persona a cui egli disse che, nella sua vita precedente, si era chiamato Barnett Seay, era stato soldato sudista nella guerra civile ed era vissuto a Henrico County, nella Virginia. L'interessato fece ricerche in proposito e trovò che un Barnett A. Seay aveva realmente militato in un reggimento sudista come portabandiera.
Interrogato di dove provenissero le sue informazioni, il Cayce, in trance, spiegò che le fonti erano due: l'una l'inconscio stesso del consultante, dove erano registrati i fatti di tutte le sue esistenze passate, l'altra erano le «registrazioni akasiche», in quanto tutto ciò che avviene rimane fissato nell'akasha, una sorta di spazio psichico o memoria universale della natura.
Circa 15.000 furono le diagnosi fatte e i trattamenti suggeriti dal Cayce durante la sua attività di professionista, e migliaia di lettere, da parte di pazienti e di medici, attestano la validità della sua opera. (U.D.)
 
Bibliografia. G. Germinara: Many Mansions, 1957.
 
Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagine 246-247).