Colman Arthur

Colman Arthur. Medium inglese a materializzazione, noto a Londra per alcuni anni fra il 1870 e il 1880. Florence Marryat lo
giudica «il più meraviglioso medium a materializzazione che abbia mai incontrato in Inghilterra», e riferisce una seduta in cui cinque fantasmi materializzati si manifestarono contemporaneamente e apparvero insieme a lui. In questa occasione il medium era stato letteralmente cucito nel suo abito e legato con filo bianco e sigilli a ogni nodo. Quando apparve con i cinque fantasmi era perfettamente libero, ma, subito dopo, fu trovato nel gabinetto medianico con tutti i legami intatti. Dovette però ritirarsi dopo alcuni anni di attività, sia perché disgustato dalle accuse di frode che gli venivano fatte, sia perché le fatiche eccessive avevano gravemente compromesso la sua salute. Era guidato da un controllo femminile, «Aimée», che sembra avesse ereditato dal Craddock. Fu anche notevolissimo medium a personificazione. (U.D.)

Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagine 287/288).