Fisher Doris

Fisher Doris. Soggetto studiato per molti anni, tra la fine del secolo scorso e gli inizi del nostro, da Franklin Prince per gli imponenti fenomeni di personalità alternanti che presentava. A tre anni Doris, in seguito a un trauma che le procurò una violenta emozione, presentò una seconda personalità che si diede il nome di «Margherita» e che, col tempo, parve più intelligente di Doris, era consapevole dell’esistenza di lei, mentre Doris la ignorava, ed era di carattere molto diverso. Ma, dopo i dieci anni, lo sviluppo mentale di «Margherita» si arrestò e, quando Doris ebbe raggiunto i 22 anni, «Margherita» scomparve. Frattanto, però, essa aveva dato origine a una terza personalità che, poiché si manifestava regolarmente durante il sonno di Doris, con caratteri di incorporazione più che di alternanza, fu chiamata «Margherita la dormiente»; questa appariva del tutto indipendente da Doris e si considerava il suo spirito guida con l’incarico di proteggerla. Una quarta personalità apparve quando Doris ebbe compiuto i sedici anni: era un personaggio isterico e smemorato con crisi di catalessi e di letargia, e per questo fu chiamata «Doris la malata»; «Margherita», per punirla della sua indolenza, le strappava i capelli e la graffiava (ossia costringeva «Doris la malata» a strapparsi i capelli e a graffiarsi). Una quinta personalità apparve infine quando Doris aveva 17 anni: questa sarebbe stata la Doris reale, ma ormai appariva molto di rado, manifestandosi durante il sonno e chiamata per questo «Doris reale la dormiente».
A 21 anni «Doris la malata» scomparve; a 22 anni scomparvero «Margherita» e «Doris reale la dormiente». Così la vera Doris potè riprendere la sua personalità mentre, in stato di sonno o di trance, continuò a manifestarsi «Margherita la dormiente». Il Prince. che aveva adottato Doris (Doris Fisher è uno pseudonimo datole da lui), giunse alla conclusione che «Margherita», «Doris la malata» e «Doris reale la dormiente» erano personalità dissociate della vera Doris, mentre la terza personalità presentatasi, «Margherita la dormiente», sarebbe stata un’entità spiritica incorporatasi nel soggetto, poiché il suo carattere non poteva essere psicologicamente integrato con quello di Doris. (U.D.)

Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagina 484/485).