Gardini Maria

Gardini Maria (n. 1910). Paragnosta. chiromante, grafologa e astrologa tra le più dotate in Italia. Bolognese di nascita, vive a Roma dal 1958. Fu studiata a lungo, mentre risiedeva a Bologna, da Cassoli. Marabini e Guarino che la presentarono al Congresso di Metapsichica di Roma del 1956 e che pubblicarono su di lei due lavori sperimentali apparsi il primo su Minerva Medica nel 1957 e il secondo sul Giornale Italiano per la Ricerca Psichica nel 1964. Dotata di notevolissimi poteri di veggenza ella lavora prevalentemente attraverso la lettura della mano, ma i suoi responsi vanno molto al di là della semplice interpretazione chiromantica, facendo intravedere autentiche doti di telepatia. veggenza e precognizione, con risultati eccezionalmente probanti e soprattutto quasi costanti. I lavori degli autori citati furono concordi nel segnalare che la Gardini otteneva risultati assolutamente singolari anche se costretta a operare in condizioni di estremo rigore scientifico: senza vedere la persona consultante, senza parlare con essa ma solo potendo vedere le mani che sporgevano da manicotti attaccati a un paravento e soprattutto senza che la persona a lei sottoposta fosse da lei conosciuta o conosciuta da alcuno dei presenti alla seduta. (M.I.)

Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagina 530).