Lawley Franco

Lawley Franco. Sensitivo italiano di lontana origine irlandese, noto soprattutto per una vasta produzione di disegni, pastelli e pitture automatici, eseguiti con estrema rapidità e spesso a occhi bendati o al buio. Ebbe anche manifestazioni di chiaroveggenza e, produsse la voce diretta. La sua attività ebbe inizio nel 1931, durante la convalescenza dopo una grave malattia, e si protrasse fin oltre il 1940. Operava con stile e tecniche diverse: delicati disegni a matita, disegni a penna dal tratto deciso e nervoso, pitture a olio in cui non usava pennelli ma solo le dita. Aveva numerosi spiriti guida che talora gli ispiravano disegni di carattere premonitorio, come uno in cui raffigurò vari personaggi che avrebbero avuto influenza nella sua vita, terminando col ritratto del figlio. Le sue opere, anche da un punto di vista puramente estetico, sono notevoli e rivelano una precisa personalità artistica, ma furono sempre eseguite in stato di trance. (R.)

 

Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagine 680/681).