Maggiora Luigi

Maggiora Luigi (n. 1914). Sensitivo italiano a pittura automatica. Di umile condizione e di scarsa cultura, privo di ogni nozione tecnica, dipinse sempre di notte, alla luce artificiale, senza sapere quale sarebbe stato il soggetto del suo quadro finché esso non gli si rivelava dopo qualche tempo di concentrazione. Le sue pitture sono per lo più paesaggi, in cui egli, a opera compiuta, scorge significati simbolici. La sua attività, condotta in stato di semitrance, e non priva di valore artistico, sembra al limite fra la paranormalità e la normalità. (R.)

 

Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagina 719).