Neumann Theresa (1898-1967)

Neumann Theresa (1898-1967). Mistica e sensitiva tedesca. Aveva ventun anni quando, in seguito all'avere assistito all'incendio della casa attigua alla sua, perse la vista e, parzialmente, l'udito. Dopo quattro anni li riacquistò, ma frattanto era rimasta paralizzata alle gambe e al braccio sinistro. In queste condizioni si dedicò particolarmente al culto di santa Teresa d'Avila, che, il 17 maggio 1925, anniversario della sua canonizzazione, le apparve annunciandole che avrebbe ripreso l'uso degli arti paralizzati il prossimo 28 marzo, giorno della nascita della santa, cosa che effettivamente avvenne. In quello stesso anno, 1926, Theresa ricevette le stigmate ai piedi e alle mani, e inoltre i segni della flagellazione, dell'incoronazione di spine e piaghe al costato sinistro. Numerose le sue manifestazioni di chiaroveggenza nel passato, nel presente e nel futuro, e frequenti le estasi, durante le quali parlava in aramaico con perfetta coerenza, come fu constatato da vari orientalisti tra i quali il prof. Wutz, che rimase così impressionato dal fenomeno da lasciarle in eredità la sua casa. Nel 1927 cominciò a trascorrere lunghi periodi senza mangiare e senza diminuire di peso: il dott. Seide accertò che, dopo quindici giorni di assoluto digiuno, il suo peso era rimasto di 55 chili. Perdeva invece quattro chili durante le estasi, ma li riacquistava subito dopo. Theresa Neumann rimane così uno dei più notevoli e recenti esempi di sensitività mistica. (R.)

 

Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagina 816).