Stella C.

Stella C. (Stella Cranshaw, n. 1900). Medium inglese a effetti fisici, infermiera di professione, scoperta e studiata da Harry Price, a partire dal 1923, nel Laboratorio Nazionale di Ricerca Psichica. I suoi fenomeni consistevano in movimenti di oggetti, raps, apporti, levitazioni, cambiamenti di temperatura, formazioni ectoplasmiche, suoni di vari strumenti musicali: tutti furono verificati dal Price in ottime condizioni di osservazione, per lo più alla luce rossastra di una lampada da sessanta candele. Lo sperimentatore ideò vari apparecchi per eliminare ogni possibilità di trucco. A esempio un doppio tavolo nel cui interno potevano essere alloggiati vari strumenti musicali di piccole dimensioni e la cui cavità veniva ermeticamente chiusa. Stella, tuttavia, in stato di trance, riusciva a far suonare questi strumenti secondo i desideri del Price. Un altro apparecchio consisteva in una coppa di rame in cui veniva posto un interruttore elettrico; la coppa veniva poi chiusa da un velo glicerosaponoso e da un coperchio semisferico di vetro. L’inraggiungevano spesso una grande violenza: un tavolo andò letteralmente in frantumi dopo essere stato appena sfiorato da Stella, mentre si udivano rumori come scoppi di fulmini e si produceva una crepa nel soffitto della stanza. I mutamenti di temperatura furono misurati e accertati con un termometro a massima e minima. Stella non riusciva invece a produrre fenomeni psichici di alcun genere, con una sola eccezione: una volta descrisse minutamente la prima pagina di un giornale dando i titoli dei vari articoli. Questa pagina apparve trentasette giorni dopo: fu questo l’unico fenomeno di precognizione di Stella. (U.D.)

 

Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagine 1224-1225).