Williams Charles

Williams Charles. Medium inglese a effetti fisici, attivo fra il 1870 e il 1880, che operò, in genere, insieme al medium Frank Herne. I due iniziarono le loro sedute a Londra, nella casa del Williams al n° 61 di Lamb’s Conduit Street, presentati dalla Guppy; e qui, il 3 giugno 1871, avvenne il famoso trasporto della signora Guppy, la quale, dalla sua casa in Highbury, a tre miglia di distanza, fu trasportata, in stato di trance, in quella del Williams, alla presenza di otto persone. Pare che in precedenza Herne fosse stato trasportato più volte in casa della Guppy. Sulla genuinità di questi fenomeni non è mai stata fatta piena luce, sebbene i presenti abbiano lasciato testimonianze scritte. Certo è che, accanto a manifestazioni imponenti di questo genere, ve ne furono altre molto modeste o molto dubbie. Operando con Stainton Moses, a esempio, il Williams diede sempre risultati modestissimi, e il Moses rimase molto diffidente nei suoi riguardi. Tra i fantasmi materializzati da lui prodotti vi era quello di John King, il quale, a Parigi, nel 1874, afferrato da uno dei presenti, riuscì a sfuggirgli lasciandogli nelle mani un frammento della sua veste. Nel 1878 un comitato di ricerca nominato dalla British National Association of Spiritualists costruì un gabinetto medianico nel quale un apparecchio registrava automaticamente il peso del medium: si accertò che, durante le materializzazioni, il Williams poteva perdere fino a 100 libbre di peso. Nello stesso anno, ad Amsterdam, dove il Williams si produceva con un altro medium, A. Rita, un fantasma materializzato fu afferrato e risultò essere il Rita stesso; sulle persone dei due furono trovati vari fazzoletti, una bottiglia di olio fosforescente, qualche metro di mussolina bianca, una finta barba nera. In compenso, in Russia, uno sperimentatore serio e attento come il prof. Boutlerov, il quale aveva già sperimentato con Home, credette di potere riconoscere, insieme all’Aksakov, la genuinità dei suoi fenomeni. Secondo l’Aksakov, anche il Crookes sperimentò con Williams e ne fu convinto. Rimane molto difficile, oggi, farsi un'idea chiara di questi medium molto contestati che alternarono fenomeni apparentemente imponenti e persuasivi con insuccessi clamorosi. (U.D.)

 

Fonte: L'Uomo e l'ignoto: enciclopedia di parapsicologia e dell'insolito diretta da Ugo Dettore - ARMENIA EDITORE (pagine 1374/1375).